Le sacche del colon: i diverticoli non hanno più segreti! :)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

03Sono ormai sempre più comuni e spesso le persone li hanno senza saperlo; sto parlando dei diverticoli, cioè piccole sacche che si formano lungo le pareti, sopratutto del colon, la quale semplice presenza non crea problemi, ma se essi diventano infiammati, allora insorge la diverticolite che si manifesta con dolori addominali, coliche, gas, spesso diarrea alternata a stipsi. All’origine dei diverticoli sembra ci sia il cedimento delle pareti del colon caudato dall’aumento della pressione su di esse, associato spesso ad una alimentazione poco sana, soprattutto povera di fibre vegetali.

Dolor-colitis

In caso di diverticolosi è consigliabile assumere giornalmente una buona quantità di fibre (almeno 30g), in particolare quelle insolubili, che assorbono acqua e gonfiandosi regolarizzano il transito intestinale. In questo caso si riduce il rischio di diverticolite, se perà l’infiammazione è in atto invece è meglio non esagerare con le fibre, perchè esse potrebbero affaticare l’intestino, peggiorando la situazione!

Se c’è infiammazione, i rimedi migliori sono:

  • aloe vera assunta sotto forma di succo tutte le mattine a digiuno, per azione disinfiammante
  • glucomannano, grazie alla azione igenizzante regolatrice, aiuta il transito intestinale senza irritare
  • tisana di melissa per rilassare le pareti intestinali, o mucillagine di malva per disinfiammare.
  • cannella per disinfettare l’intestino (estratto seccon in cps)
  • fermenti lattici a base di L. acidofilus e L. reuteri (vedi ditte OTI o Bromatech) alla dose di 3 cps 1volta al di subito dopo il pasto, associati ad Axiboulardi cps della ditta PEGASO, due volte al giorno. (Cura almeno di 30gg)
  • Quattro volte l’anno effettuare la pulizia intestinale con ENTEROSGEL della ditta Guna, per eliminare tossine, metalli mesante, fermentazioni ecc..

Nel caso invece di diverticolosi invece, cioè semplice presenza di diverticoli senza infiammazione, perchè ancora agli stadi iniziali:

  • Usare i semi di psillo per ridurre i problemi intestinali sia di diarrea che di stitichezza, perchè agisce su due fronti
  • tenere pulito dalle fermentazioni l’inetstino con rimedi antigas (finocchio, anice, zenzero, curcuma, alloro)
  • assumere cps di cannella
  • effettuare 4 volte l’anno la pulizia con ENTEROSGEL

25-Psyllium1-675x517Nota bene: I semi di psillo a contatto con acqua si gonfiano aumentando il loro volume fino a 25volte. Prendendo due cucchiaini di semi di psillo a stomaco vuoto con molta acqua calda dietro (tipo una tisana, o un tè) In questo modo lo psillo si rigofierà e formerà una mucillagine dall’azione equilibratrice.

6 pensieri su “Le sacche del colon: i diverticoli non hanno più segreti! :)

  1. Nell’articolo sul colon/diverticolite è evidente che non usate/conoscete la fitoterapia. peccato. Potrebbe essercvi utile. Saluti Vittorio Alberti

    • Scusi non capisco consa intende con la sua affermazione<. cosa vuole dire che è evidente che "non usiamo" la fitoterapia?? L'articolo era, anzi è dedicato a chi soffre di qui disturbi, e indicava solo alcune delle possibili soluzioni che si possono adottare per evitare la formazione di diverticoli o il peggioramwnto dei sintomi. Sono anche io a conoscienza del fatto che esistano tante altri rimedi fitoterapici per per quel tipo di problematica, ma non ci è possibile elenacarli sempre tutti durante la stesura degli articoli! Cordiali saluti

  2. io soffro di diverticolite acuta uso il normix flagil e pentaCOL E INOLTRE SONO MOLTO STITICA USO ANCHE IL LETTULOSIO E IL MOVICOL COSA POSSO FATRE NON SO PIUY COSA MANGIAre se mangio devo stare due giorni digiuna finche non si svuota l intestino ha quaLCHE SUGGERIMENTO DA DARMI. MANGIO SOLO MERLUZZO BOLLITO E QUALCHE PO DI pasta in bianco
    graZIE ANNA

    • Axiboulardi della Pegaso, tutte le sere prima di cena (15min prima) BNEFLOR della Santiveri tutte le mattine dopo colazione.

      Elimini il lattulosio che provoca flatulenza.
      Una cura di minimo 2/3 mesi con COLILEN dell’Aboca, DUE PRIMA DI PRANZO E DUE PRIMA DI CENA.

      Mangi un pò di tutto a piccole dosi, eliminando verdure a foglia verde, legumi e crucifere.
      Rieduchi l’intestino a lavorare correttamente.

      cordiali saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *