BALSAMO NUTRIENTE MANI-LABBRA

FacebookTwitterGoogle+Condividi

b7bc4656f837693cb5a72ac03eba1d24Oggi posto per voi una ricetta veloce per le vostre mani e le vostre labbra, e perchè no, anche le vostre unghie messe a dura prova dalle rigide temperature. 🙂

Questa ricetta di cosmesi artigianale, è facile e veloce, alla portata di tutti, anche coloro che sono alle prima armi. Questo balsamo, ammorbidisce naturalmente la vostra pelle, la ripara dal freddo mantenendola morbida e idratata a lungo grazie alla vitamina E e agli altri ingredienti di origine naturale. Se applicato sulle unghie, magari la sera prima di dormire, le rinforzerà e le nutrirà e grazie alla presenza del burro di karitè permetterà alle cuticole di ammorbidirsi, facilitando la manicure del giorno successivo.

Ingredienti:

  • 40g di burro di Karitè
  • 5g di miele millefiori
  • 5g di Tocoferolo (vitE)
  • 5g di olio di Argan
  • 5 gtt di olio ess di limone
  • 5gtt di olio ess di arancio dolce
  1. Scaldare a bagno maria burro di Karitè e miele facendoli sciogliere bene e mescolando accuratamente per emulsionarli. Quando il burro sarà sciolto completamente (non ci vorrà molto)  togliere dal fuoco ed aggiungere il Tocoferolo, avendo cura di mescolare ancora.
  2. Continuando a mescolare, aggiungere olio di Argan e gli olii essenziali, fino a completo raffreddamento. Man mano che il composto si raffredda, diventerà di una consistenza densa e burrosa.
  3. A questo punto il vostro composto è pronto: riempire piccoli contenitori di vetro, ben puliti e chiuderli con un tappo a vite.
  4. Lasciato riposare, il balsamo si addenserà sempre di più fino a raggiungere la consistenza giusta di solito in 24h.

balsamo-labbra

Avete preparato il vostro balsamo labbra-mani-unghie per l’inverno!

Usatelo fin da subito…vedrete che risultati!!!

Grazie alla fragranza fresca ed agrumata è anche un ottimo regalo fai-da-te per amici e parenti attenti alla cura del proprio corpo ma anche all’ambiente, vista la presenza di ingredienti di origine naturale! 🙂 Farete un’ottima figura…

PS: ottimo anche su cicatrici lievi e piccole scottature.

baci baci a presto

 

E la pelle….RINASCE :)

Buongiorno a tutti,

oggi voglio parlarvi di alcuni prodotti che ho avuto il piacere di testare su di me, su amici e parenti e che ho trovato davvero ottimi, su ogni tipo di pelle. Li ho provati per alcuni mesi, per essere sicura dei risultati e poter dare un opinione reale del prodotto in sè, non solo della texture ma anche dell’efficacia effettiva.

La linea che vi voglio illustrare è quella della ACQUE UNICELLARI della BIOSLINE, una linea che ho trovato completa, davvero per ogni esigenza di pelle diversa. Non ho avuto il piacere di testare la detergenza ma solo le creme, ma i prodotti mi son piaciuti talmente tanto che ho acquistato da poco il latte detergennte e idratante vuso-occhi ed entro poco vi saprò dire qualcosa.  Ma ora parliamo delle creme! 🙂

1) Linea anti-age e linea idratante sono quelle che ho testato maggiormente su di me.

crema-antiage-unicellulare-natures-511x511La prima ANTI-AGE all’arancia rossa, per il giorno, con acido Ialuronico a tre diversi pesi Molecolari con attività superidratante e rassodante, filtri solari UVB e UVA protettivi e per aiutare a prevenire le macchie brune da invecchiamento e Vitamina E antiossidante. Lho utilizzata tutti i giorni da luglio ad oggi ( e ancora la uso), la texture è leggera e fresca, ma allo stesso tempo la pelle risulta essere nutrita e ben idrata fino a sera (non tira). Ottima base per il trucco,  non mi ha mai reso la pelle unta o lucida e ho trovato davvero interessante la combinazione con la protezione solare che risulta essere sempre più utile anche di inverno se si vogliono prevenire macchie e invecchiamento cutaneo.

crema-viso-idratante-unicellulare-natures-511x511Quella idratante invece ho avuto il piacere di utilizzarla la sera, per mantenere la pelle elastica e idratat anche nelle ore notturne. (Tenete conto che io ho la pelle mista/secca, cioè secca dappertutto tranne nella zona T, dove a seconda della stagione risulta lievemnte più grassa)  Questa crema non ha filtri solari, motivo per cui l’ho scelta per la notte, è a base di acqua unicellare di kiwi, acido ialuronico per mantenere la pelle elastica e caffeina per stimolare il microcircolo. La texture risulta più ricca di quella antirughe ma non unge perchè sulla mia pelle si assirbiva in fretta! La ritenngo un ottima crema idratante.

2) La linea pelli sensibili, l’ho regalata a mia cognata che pelle chiara, con lettigini, mista/grassa, molto delicata sia di inverno con freddo che di estate con il sole, e poi ho provato qualche bustina di campioncino su di me alla sera, come dopo sole anti-arrosamento quando sono andata in vacanza e devo dirmi che io ho adorato questa crema! Vorrei avere la pelle sensibile solo per doverla utilizzare!

crema-pelli-arrossate-511x464Partiamo dalla texture che risulta essere spumosa, davvero come spalmarsi la panna montata sul viso (senza ungere però! ), delicata una consistenza che ammetto jnon avere mai riscontrato in nessuna altra crema. Risulta esse speciale al tatto, fra le dita e,ha una fragranza agrumata leggera e piacevole sulla pelle, mi ha stupito davvero! Mia cognata si è trovata benissimo, con Acqua Unicellulare di Clementina che nutre l’epidermide e dona
luminosità al viso. l’estratto di Liquirizia e i filtri solari che  proteggono le pelli arrossate dalle aggressioni esterne quali freddo, vento e raggi solari. Lei l’ha usata tutti i giorni dell’estate per andare al lavoro ma addirittura al mare sotto la sua crema solare. Non le ha mai reso la pelle unta, nenache nella zona T, salvo forse i giorni più caldi di Luglio dove vi assicuro qui da noi, ma credo in tutta Italia, c’era una temperatura fuiri discussione! Ci si squagliava anche se non si aveva la crema!! ahahahahah 🙂

3) In ultima la crema pelli grasse e impure, che è stata destinata a mio marito! Povero cristo, mi fa da cavia da quando ho aperto il blog! ahahaha 🙂 Questa volta però gli è andata bene!! 🙂 Come gran parte degli uomini, ha una pelle mista tendente al grasso soprattutto su naso e fronte, per cui spesso di estate la pelle più in là nella giornata, risulta lucida. Devo dire che con questa crema ha avuto un lieve miglioramento, e dico lieve non perchè la crema non sia efficace ma piuttosto perchè con la costanza che hanno gli uomini nel mettersi intrugli sul viso, mi stupisco che ne abbia avuto! Anzi, devo dire che per lui è stato un traguardo!!!

Si tratta di una crema-gel, che al tatto è acquosa, leggerissima, come bagnarsi il viso con crema-viso-riequilibrante-unicellulare-natures-511x511acqua fresca e nel gir pochi istanti è asciutta! A base di mandarino verde e alga laminaria ha un potere equilibrante sul sebo, possiede inoltre come la linea anti-age l’acido ialuronico a tre diversi pesi molecolari superidratante e rassodante, un attivo mat ad effetto antilucido e l’estratto di abete rosso  sebo-normalizzante e anch’esso antilucido. Lui l’ha usata mattino e sera (quando si ricordava) e apputno devo dirvi che alcuni risultati si sono visti, inoltre non si è mai lamentato della texture…e questo per uomo vuole dire tanto!

Spero di esservi stata utile…se state cercando qualche cremina per la stagione invernale, andate a vedere le linee della BIOSLINE, secondo me non vi deluderanno! 🙂 Hanno anche la liena BIO, di cui adesso sto usanto l’idratante…ve ne parlerò più avanti!

Se vi interessa il sito https://www.natures.it/   così potete dare un’occhiata!! ^_-

Baci baci F.

PARABENI: sono davvero cosi tossici????

Moisturizer on the end of woman finger.La moda degli ultimi anni tra coloro che prediligono e cercano la biocosmetica prevede l’attacco e l’accusa nell’uso dei Parabeni, accusati di prvocare tumori ormoni sensibili perchè simili agli ormoni sessuali femminili, quindi ritenuti modulatori endocrini. Ci sono tuttavia pareri discordanti, una fetta di consumatori, ma anche di esperti, in chiumica, chimica tecnologica, farmacia ecc… sostengono invece che i parabeni, utilizzati da più di 100anni come conservanti in farmaci, aliimenti, cosmetici ecc…sono efficaci e sicuri proprio perchè hanno alle spalle anni ed anni di studi e di utilizzo. Non si sà quindi dove stia la verità! l’Associazione Nazionale delle Imprese Cosmetiche Italiane, sostiene che i parabeni siano sicuri e quindi si pronuncia sollevando queste sostanze dall’accusa di avere un effetto negativo sul sistema endocrino, tuttavia i sostenitori della biocosmesi rispondono che spesso gli Enti difendono gli interessi di categoria, nascondendo seri problemi, anche se mettono a repentaglio la salute dei cittadini…. e come dargli contro? Tuttavia c’è da dire che spesso sotto la spinta di internet e dei consumatori, sempre più frequentemente alcune ditte si sono trovati a dover togliere questi conservanti dalle formulazioni per motivi di marketing! Ma è davvero positiva questa faccenda? Spesso si sono tolti parabeni, conosciuti ed utilizzati da 100anni per usare prodotti più recenti, meno sicuri quindi e magari ancora più tossici! Il Benzoato di Sodio per esempio, accettato dai prodotti bio, non si distanzia particolarmente dalla formula dei parabeni, con la differenza che essendo più recente, può essere considerato ancora meno sicuro perchè se ne conoscono meno gli efetti….eppure perchè questo conservante va bene al mondo bio?

Valutate voi, osservando le molecole…..

PARABENI:    150px-Paraben-2D-skeletal         BENZOATO DI SODIO:    photo4e25f2827c0aa

 

ORMONI:  estrogeni

 

Mah, mi sorge ancora qualche dubbio su tutto il sistema che ci circonda….quello che penso è che ognuno debba pensare con la propria testa, che non debba farsi influenzare da correnti di pensiero rivoluzionarie o altro, perchè putroppo la fregatura è sempre dietro l’angolo!!

E voi da che parte state????

 

DERBE CAPELLI: un aiuto “quasi” naturale

indexEccomi qui…con qualche giorno di ritardo, ma prontissima per parlarvi di questa ditta: DERBE! Essa si trova diciamo nel mezzo fra cosmetici ecobio e quelli super chimici. Ebbene sì, dico che si trova nel mezzo perchè effettivamente gli INCI di alcuni shampoo  balsami, nonostante abbiano parecchie sostanze attive, estratti vegetali, proteine ecc…non sono del tutto naturali! Si tratta tuttavia di un buon compromesso e quindi può essere una buona scelta per tutti coloro che si vogliono “avvicinare” all’ecobio ma che non hanno ancora le conoscenze, il tempo o la voglia di mettersi a cercare prodotti esclusivamente verdi.

1) Boccio a priori la linea OLIO SHAMPOO, perchè rende i capelli pesanti, (almeno questo per me che ho i capelli molto secchi e spessi), per chi ha capelli fini e sfibrati magari è efficace. Questa linea infatti è consigliata in casi di sensibilizzazione del cuoio capelluto, prurito, desquamazione, rossore ecc…(io non ho di questi problemi quindi non fa per me! )

2) Riguardo alla linea SCIAMPO DELICATISSIMO, mi trovo nel mezzo! Ne esistono 4 versioni, quelli per pelli sensibili lenitiva e protettiva, quella per capelli sfibrati (che è quella che ho provato io e mi sono trovata effettivamente bene), quella cotro la forfora con propoli e pepe nero, ad azione igenizzante e regolatrice dell’attività sebacea e infine quella capelli grassi con limone e ortica, che putificano e riequilibrano il pH del cuoio capelluto. L’IINCI è accettabile quindi non la boccerei a priori, tuttavia non ho avuto buon riscontro dalle persone che lo hanno provato, alcuni dicono che non lavi bene! Mah!

index23) NO ASSOLUTAMENTE alla crema capillare SERES che mi ha profondamente delusa in quanto contiene siliconi!! Quindi altro che naturaleeeeeeeeeeeeee O_O

4) Un punto positivo alla linea DETOX  PURIFICANTE, ricca di sostanze attive di origine vegetale, è in grado di igenizzare correttamente il cuoio capelluto da impurità e agenti microbici. Buona la soluzione del PRE-SCIAMPO, a base di semi di pompelmo e ortica, predispone la cute ad una buona detergenza. Si applica sulla cute prima del lavaggio e si lascia in posa alcuni minuti, poi si procede al lavaggio con lo shampoo. Credo sia una soluzione da adottare per i parrucchieri, per lavare in profondità e detossificare la cute!

5) Un altro punto positivo alla linea anti-Age, che fra le mie clienti ha avuto un buon balsamomaturigriscontro. La fibra capillare infatti con il passare degli anni perde elasticità e densità, e quindi i capelli non cambiano solo colore bensì anche forma e consistenza. La linea anti-age è in grado di nutrire e volumizzare i capelli, idratandoli grazie all’olio di argan e le ceramidi di girasole. Un buon compromesso soprattutto per persone di una certa età alle quali non importa nulla dell’INCI, e le quali comprerebbero tranquillamente KERASTASE se fosse per loro!!! Bè consigliare DERBE, è una buona scelta sia per l’ambiente (è infatti meno peggio di altri) che per il cliente, perchè noterà davvero la morbidezza e l’idratatzione trovando i capelli rivitalizzati!!

6) Ultimo punto positivo alla linea GOJI, davvero ricca di sostanze vegetali. L’ho provata sciampogojig5gg fa e ancora non mi sono dovuta rilavare i capelli! (Premetto che io ho capelli che si sporcano molto poco, ho cute secca e capelli anche, quindi non tendo all’unto, inoltre a casa li tengo spesso legati con una pinza per evitare di toccarli, in questo modo durano molto di più puliti!! ) Comunque tornando a noi, devo dirvi che mi sono trovata bene! Pantenolo, proteine del riso, goji, china, arancio amaro, ortica, salvia, zenzero, rosmarino, rosa canina, tutte sostanze contenute all’interno. Una linea in grado secondo me in grado di dare energia, idratazione ed elasticità, ma allo stesso tempo puliìre e purificare bene la cute grazie alle sostanze vegetali contenute all’interno!

 

Deodoranti: cosa evitare!

images4La scelta del deodorante è un dilemma per tanti di noi, c’è quello che irrita, quello che è troppo profumato, poi c’è quello che macchia i vestiti, quello non dura abbastanza e l’altro brucia dopo averlo spruzzato. Insomma, qual’è il deodorante giusto? Cosicchè stremati e delusi dalle nostre scelte, ci affidiamo alla pubblcità di amici e parenti, oltre che a quella televisiva e continuiamo la nostra ricerca imperterrita facendo prove inutili e spendendo soldi in continuazione. E se ci fosse un metodo più comodo per scegliere il deodorante? Se bastasse un’occhiata al prodotto per permetterci di sceglierlo?  Questo è possibile, se decidiamo e incominciamo a leggere le etichette! 🙂 Apparte infatti i diversi tipi di pelle e di sudore, che possono ovviamente richiedere prodotti leggermente diversi tra di loro, ci sono delle regole base per la scelta del deodorante che prevedono l’assenza o la presenza di determinate sostanze.

REGOLA 1: No agli Antitraspiranti!

Non esistono studi epidemiologici nel campo medico o farmaceutico che attestino il collegamento fra cancro al seno ed antitraspiranti, quindi non sono qui per dire questo, ma mi sorge semplice una domanda: se il nostro fisico ha bisogno di respirare, attraverso appunto il sudore, se ha bisogno di eliminare tossine e sotanze di scambio, tanto di estate quanto di inverno, perchè dovremmo bloccare questo meccanismo? Insomma, se questo è il naturale modo che ha il nostro corpo di respirare, perchè dovremmo impedirglielo? Più l’effetto antitraspirante è prolungato (24, 48h) più il deodorante sarà tossico per le vostre ghiandole! Gli antitraspiranti contengono normalmente ioni di alluminio (soprattutto cloruroro di allumio o altri), che operano ostruendo le ghiandole sudoripare impedendo la secrezione di sudore. Questi prodotti sono da EVITARE.

REGOLA 2: No ai deodoranti troppo profumati

Se non si vuole puzzare e se nn si vuole che la pelle si irriti, è bene scegliere deodoranti con profumazioni leggere, e senza eccessiva quantità di profumo, che oltre a rendere l’odore del sudore ancora più sgradevole di quello che è normalmente, dietro la semplice dicitura di “Parfum”, si possono nascondere innumerevoli sostanze chimiche, come gli  ftalati, che possono provocare mal di testa, vertigini, asma e allergie.

REGOLA 3: NO al deodorante di notte

deodoranti-tetteNon siamo paranoici: non è necessario assolutamente andare a letto con il deodorante! Quindi se si fa la doccia, si va a letto freschi e profumati ma senza deodorante e se non la si fà, perchè magari si ha l’abitudine di farla al mattino, bè allora io consiglio sempre di lavarsi le ascelle prima di andare a dormire, così da toglire i residui di deodorante della giornata e lasciare respirare liberamente le nostre povere ascelle! Noterete che con quest’abitudine, le ascelle saranno meno soggette a irritazioni, e durante la giornata il sudore meno acre perchè la pelle ha avuto la possibilità di respirare durante le ore notturne evitando il naturale ristagno di batteri che provoca il cattivo odore.

REGOLA 4: Prediligere i deodoranti spray NO-gas

images5Alcuni dei gas utilizzati nei deodoranti in bomboletta, sono infatti responsabili del famigerato “buco dell’ozono”, quindi se si può oltre che evitare di danneggiare se stessi, evitare di danneggiare l’ambiente, ancora meglio! 🙂

 

 

SOSTANZE DA EVITARE:

-Propylen Glycole e Parabeni

Sono sostanze usate in grosse quantità dall’industria cosmetica, ma sono tossici: I parabeni, sono esteri dell’acido para-idrossi benzoico e vengono impiegati per la conservazione dei prodotti cosmetici di ogni genere. Diversi studi hanno dimostrato una correlazione fra l’insorgenza di cancro ormone sensibile e l’utilizzo di essi. Il propylen Glycole, è usato come tensioattivo o agente imbibente e solvente, è in effetti l’ingrediente attivo negli antigelo ( E VI HO DETTO TUTTO! ) Non c’è differenza fra quello usato nell’industria e quello nei prodotti per la cura della persona. E’ usato persino nell’industria alimentare e in quest’ultimo caso le avvertenze per l’uso del prodotto sono quelle di evitare il contatto con la pelle perchè il PG porta conseguenze tipo anormalità al cervello, al fegato e reni. Non si trovano avvertenze invece su prodotti come deodoranti, dove la concentrazione è maggiore che in molte altre applicazioni industriali, pazzesco no????!!!

– Tricosan: l’ultima mania pazzoide nel pentolone delle sostanze chimiche antibatteriche, che troviamo nei detergenti, detersivi liquidi per piatti, saponi, deodoranti, cosmetici, lozioni ecc… E’ stato registrato come pesticida, assegnandogli un alto indice di rischio per la salute umana e l’ambiente! Il triclosan appartiene ad una classe di sostanze chimiche sospettate di provocare il cancro. Esternamente può provocare irritazioni alla pelle. Usarlo tutti i giorni della propria vita nel deodorante può essere ritenuto alquanto imprudente!

Alcohol (Isopropyl):  usato come solvente e denaturante (si tratta di una sostanza tossica che modifica le qualità naturali di un’altra sostanza), l’alcohol si trova nelle tinture leggere per capelli, creme per le mani, dopobarba, deodoranti profumi e molti altri cosmetici. Se possibile da evitare.

Uomo avvisato…mezzo salvato 😉 …A voi la scelta…!

Fonti: http://www.farmacovigilanza.org/cosmetovigilanza/corso/0406-04.asp, Chimica Cosmetica Anno 2011-2012

 

 

 

 

 

 

 

PICCOLE DELIZIE PER IL CORPO: proprio come le faresti TU! :)

LOGOFATT9_new-e1422265590751Oggi voglio parlarvi di una ditta speciale, una nuova collaborazione, di un laboratorio di COSMESI ARTIGIANALE, che utilizza ingredienti biologici, integrali e provengono dalla natura e produce i suoi cosmetici con passione e dedizione. Si tratta del laboratorio di Milano FATTI A MANO, che dal 2006 produce creme, balsami, saponi e detergenti, tutti fatti a mano e completamente naturali.

noidue11FATTI A MANO è stato creato Francesca e Lorena, due ragazze con la passione del fai-da-te, e il rispetto per la natura e l’ambiente. Gli ingredienti che usano sono olio extravergine di oliva, olio di mandorle dolci e olio extravergine di vinaccioli spremuti a freddo, olio di sesamo, burro di karité, olio essenziale di vetiver e olio essenziale di chiodi di garofano provenienti da progetti di commercio equo e solidale,  olio essenziale di eucalipto e olio essenziale di incenso da raccolta spontanea e cera d’api biologica proveniente da una cooperativa italiana che accoglie persone svantaggiate. Li lavorano a basse temperature e in piccoli lotti per essere sempre freschissimi. Le materie prime utilizzate devono passare severi controlli di qualità e sono state attentamente selezionate;
La maggior parte di esse proviene da coltivazioni biologiche e dove possibile del circuito del commercio equo solidale. Vi assicuro che non avevo mai provato cosmetici così: è come cibo per la pelle! Non è stato per nulla facile aprire questo laboratorio pel loro…dopo anni e anni di insegnamento, di concorsi ecc, sono riuscite a relizzare il loro sogno..e perchè no, anche i nostro, che finalmente possiamo affidarci a prodotti davvero artigianali preparati apposta per noi, avendo anche la possibilità di imparare seguendo il loro corsi di cosmesi! Grazie alla gentilezza e alla disponibilità di queste due ragazze, ho potuto provare alcuni dei loro prodotti, così da poterli testare su me stessa e parlarvene!

Ora vi allustrò nello specifico i prodotti che ho provato, così potrete farvi anche voi un’idea più precisa 🙂 Qui nella foto sotto, potete vederli, nei loro piccoli barattolini nella graziosa confezione con la quale me li hanno spediti!

IMG_7166

  1. MAIALOSA KARITE’ LAVANDA E ARANCIA: una crema tanto comoda quanto nutriente. Un modo sfizioso e vole di idratare la pelle, dopo il bagno, dopo la palestra, la doccia o una lezione di nuoto. Burro per il corpo solido che si scioglie a contatto con la pelle, rendendola soffice e delicatamente profumata. Non unge i vestiti perchè viene subito assorbita andando in profondità. Fornita nel pratico barattolino, esiste di due versioni, la piccola, da portare sempre in borsetta, ottima come pensierino per un’amica particolare e la grande, da tenere a casa e usare dopo la doccia! Ideale per le parti più secche del corpo come gomiti, ginocchia e perchè no talloni! Mi sono innamorata di questo piccolo maialino profumato e ora non posso più farne a meno! 🙂
  2. BURRO MANI CANAPA, LIMONE E TEA TREE LENITIVA: questo burro nutriente e riparatore della cute, per le mani secche è l’ideale! Soprattutto adesso che siamo ancora nella fredda stagione. Ideale da mettere alla sera così da far agire tutta la notte, si assorbe in fretta e aiuta anche a riparare la cute tagliata o screpolata con un’azione disinfettante donata dai prezioni olii essenziali contenuti all’interno. Ricca di vitamina E e di sostanze antiossidanti che contribuiscono a nutrire in profondità e attenuare i segni del tempocome l’oleolito di curcuma che dona anche il colore giallo alla crema ed è un ottimo antisettico e antibatterico naturale, utile per disinfettare tagli e ustioni.
  3. BALSAMO LABBRA CON OLIO DI MANDORLE DOLCI E MANDARINO: Come mangiare un mandarino fresco e succoso di stagione! La prima volta che ho usato questo balsamo labbra mi sono accorta che superava di gran lunga le mie aspettative e superava anche di gran lunga i balsami alle labbra che faccio io!! ahahahha 🙂 (Devo ancora perfezionarmi !!) Insomma, un balsamo labbra favoloso, emolliente, lenitivo e multi vitaminico per labbra morbide da baciare!
  4. CREMA VISO-CORPO COCCO E PRUGNA SENZA PROFUMO: Questa crema viso senza profumo ha una texture spessa e nutriente, ma si assorbe all’istante! Io personalmente la sto usando come contorno occhi e mi trovo benissimo. Io ho gli occhi molto delicati, spesso il cotorno mi si arrossa e ho difficoltà a trovare creme adatte, tant’è che mi strucco con l’olio di cocco e lo usavo anche come contorno occhi prima di scoprire questa crema, che ora invece è diventata la mia salvezza! Nutre e idrata ogni tipo di pelle per tutto il giorno, perfetta per la pelle secca, anche quella più sensibile e delicata, come la mia. Rivitalizza e ammorbidisce lasciando un effetto setoso e piacevole sulla cute.
  5. CREMA CORPO OLIO DI ARGAN, VANIGLIA E MANDARINO: Una crema molto nutriente, dalla fragranza fresca ed esotica, con toni agrumati che ad occhi chiusi mi ricorda la brezza estiva. Basta spalmarla e massaggiarla bene per farla subito assorbire. Lascia la pelle morbida e profumata. La combinazione di olio extravergine di oliva e olio di argan, ricchi di acidi grassi omega3 e omega6 che forniscono gli antiossidanti necessari per migliorare il tono e la consistenza della pelle, la rendono perfetta.

Che dire, non posso fare altro che ringraziare Francesca e Lorena per avermi dato la possibilità di provare i loro prodotti, informarle che a breve sarò sul loro sito ad acquistare qualcosa, e infine consigliare anche a voi di andare a dare un’occhiata al sito www.fattiamano.org….Sono certa che trovere qualcosa che vi interessa e perchè no, potrete anche iscrivervi ai loro corsi di cosmesi artigianale per creare con le vostre mani, creme, saponi, burri, ecc…e imparare qualcosa di nuovo! 🙂

 

 

 

 

CURA di Corpo-Viso-Capelli: tutto in un solo prodotto

Ragazze, ho scoperto un prodotto buonissimo!!! Sono qui per descrivervelo brevemente e consigliarvelo! Gentilmente prima di Natale ho ricevuto un pacchetto della ditta Nature’s, contenente un prodotto che sarebbe dovuto uscire in commercio con nuova formulazione e packaging tra le festività del 2014 e l’inizio anno del 2015…mi chiedevano di testarlo per voi, per sapere che cosa ne pensavo…bè che dire: si tratta di un olio corpo-viso-capelli davvero particolare, che mi ha colpito! 🙂

Il nome del prodotto è OLIO BERBERO della linea Argà (a base di olio di Argan) www.olioberbero.it

olio-berbero-natures-miaerboristeria.it

Già dal primo spruzzo sono rimasta inebriata dalla leggera e delicata profumazione, non si vorrebbe mai smettere di spruzzarlo, da quando me lo hanno mandato, no posso più farne a meno! Si assorbe in un attimo perchè è un olio secco in spray e serve per idratare, nutrire e proteggere viso, corpo e capelli. Aiuta a prevenire la disidratazione e la secchezza e infonde un’immediata sensazione di comfort e di benessere anche alle pelli più secche, delicate e sensibili. L’ideale dopo la doccia a pelle umida, ma utilizzabile assolutamente anche a pelle asciutta, sul viso prima di dormire, sulle braccia e decoltè prima di uscire, sulle punte secche dei capelli per renderli setosi e lucenti e no richiede risciacquo!  Ma attenti a questo: dimenticate gli olii pieni di schifezze che ci propinano diverse ditte da profumeria, concentrati di prodotti chimici più o meno dannosi, la formula di quest’olio contiene oltre il 99% di ingredienti di origine naturale e combina 7 preziosi oli vegetali: Argan, Arancio, Pistacchio, Oliva, Riso, Mandorle dolci e Vinaccioli! Senza parabeni, paraffina, olii minerali, SLS, SLES, DEA o altri cessori di formaldeide! Un’INCI verde da capogiro, fin dai primi ingredienti non appaiono pallini rossi: antistatici, emollienti ed antiossidanti verdi caratterizzano la formulazione di questo prodotto in un insieme di sostanze attive quali Olio di Argan, Moringa Oleifera, arancio dolce, Burro di Karité, Olio di Mandorle, The Rosso, Proteine Vegetali, che lo portano primo in classifica fra i prodotti naturali di cura e bellezza del corpo.

Oroberbero-natale

Il prezzo della confezione da 50 ml è di 19.50, mentre la confezione da 100 ml è di 29,50

Il packaging unisce la semplicità e la praticità di uno spray in vetro all’eleganza dell’oro e delle illustrazioni realizzate dalla nota disegnatrice Alessandra Scandella, che richiamano i simboli iconici del mondo berbero, un omaggio all’Argan e alla sua terra d’origine: il Marocco. Un profilo di donna stilizzato per richiamare a una femminilità intensa e raffinata e il primo piano di una mano tatuata con Henné, come nella tradizione berbera, rimandano a terre lontane, a profumi e colori che non ci appartengono ma che con un solo spruzzo possono essere nostri… solo chiudendo gli occhi.

Vi consiglio vivamente questo prodotto, per voi, per una mamma, una zia, per un’amica e persino per una nonna, non ci sarà persona alla quale lo consiglierete che non si riterrà soddisfatta!

Provare per credere 🙂

CAPELLI: sani sono più belli.

maschera-per-capelliSi sà, con l’estate, tra  mare e sole i capelli vengono un pò maltrattati. Tuttavia, bastano davvero pochi accorgimenti per ridonare bellezza e brillantezza ai nostri capelli, lunghi o corti che siano. Il capello ha una struttura che ha bisogno di essere nutrita, sia dall’interno che dall’esterno con opportuni integratori e prodotti cosmetici adatti. In generale, chi ha una sana alimentazione, ricca di frutta di stagione e verdura (quindi sali minerali e vitamine) non ha bisogno di assumere integratori per bocca, perchè ha già attraverso la nutrizione tutto il necessario per stimolare il bulbo capillare, tuttavia, il fusto del capello, con sole, la salsedine, i trattamenti dal parrucchiere, pieghe folli e cloro della piscina, può a lungo andare inaridirsi, risultando spento e crespo. Ma basta poco per ridonare corpo e nutrimento ai capelli secchi..infatti, per costruire (o ricostruire) la protezione idro-lipidico dei capelli, gli oli e i burri vegetali ci possono venire in soccorso, permettendoci di curare i nostri capelli in modo sano ed economico.

9564037_orig

Iniziamo con un impacco nutriente anticrespo semplice e veloce che potrete preparare comodamente a casa vostra, da utilizzare soprattutto se si hanno caplli secchi e opachi e si sente il bisogno di rivitalizzarli. Se si ha bisogno di un importate azione rivitalizzante, per capelli molto sfibrati, è bene ripetere l’operazione prima di ogni shampoo per un periodo di un mesetto, se invece la situazione non è troppo catastrofica, è possibile effettuare la maschera solo una volta a settimana. In una ciotola mettere un cucchiaio di miele e uno di yogurt bianco interno, versate l’olio ai semi di ricino e quello d’oliva, sempre 1 cucchiaio, quindi mescolare bene fino a quando il composto non sarà uniforme. Aggiungere 10gtt di olio essenziale di geranio e mescolare ancora. A questo punto distribuire in modo uniforme sui capelli umidi, sia punte che lunghezza, e lasciare agire almeno per 20 minuti. Trascorso il tempo sciacquare il tutto con acqua fresca se è possibile, effettuare il proprio shampoo e chiudere il lavaggio con un risciacquo a base di aceto di mele che rende i capelli lucenti e chiude le squame.

Anche in spiaggia c’è bisogno di un supporto, qualcosa che possa venirci in aiuto per proteggere i capelli dal sole e dalla salsedine: l’olio spray è la soluzione che fa per noi. Io personalmente uso quello di lino che si può spruzzare sia prima che dopo il bagno e rende i capelli morbidi e soffici. Ne esistono diversi in commercio, l’importante che sia vero spray ai semi di lino, io sto usando quello della PLANTA OPTIMA semi di lino e burro di karitè e devo dire che mi trovo davvero bene! Comodo da portarsi dietro, con il contenitore scuro per evitare l’ossidazione, lo spray che nebulizza benissimo e un prezzo economico (lho pagato intorno ai 6euro e l’ho trovato all’Ipersoap) .

L’olio di semi di lino è un ottimo rimedio naturale per i capelli ed è utile per contrastare la formazione delle doppie punte.
Le sue proprietà ristrutturanti sono dovute alla sua particolare composizione in acidi grassi che vede un’elevata presenza di Acido Linoleico (13,0 – 19,0 %) che aiuta l’idratazione dei capelli regolando la perdita di acqua  e Acido Alpha Linoleico (45,0 – 60,0 %) che ne mantiene l’elasticità e la resistenza. Questi si dicono acidi grassi “essenziali” perchè, nonostante il loro vitale bisogno, il nostro organismo non è in grado di produrli. Quest’olio, così come altri oli vegetali, può quindi essere utilissimo per la nostra saluta e bellezza. Ad una condizione però: che sia effettivamente “naturale”, come detto prima, ossia non privato delle sue proprietà da metodi di estrazione e di lavorazione aggressivi, che rendono il prodotto  inerte, privo di principi attivi (acidi grassi essenziali e vitamina E), insomma  solo una sostanza grassa, senza alcun effetto curativo.

Quando si arriva a casa dalla spiaggia, si sciacqua bene l’olio ai semi di lino che abbiamo applicato al mare  con uno shampoo per capelli secchi e sfibrati, che sia un buon prodotto ma che allo stesso tempo non contenga all’interno schifezze varie (SLES, PARABENI, SILICONI ecc..), io ora sto usando quello della SAPONARIA all’arancio dolce e girasole, e quello del GIARDINO COSMETICO, all’olio di semi di lino e altea. Personalmente uso sempre due shampoo per non abituare il cuoio capelluto e il capello a un solo tipo, così li alterno e mi durano tantissimo! La Saponaria la maggior parte di voi la conosceranno sicuramente ed è un’ottima ditta di prodotti artigianali, mentre Il Giardino Cosmetico è per me una novità, e magari anche per molti di voi…si tratta di una ditta Italiana, tutti i prodotti sono:

  • Certificati ICEA Eco-Bio Cosmesi
  • Testati dermatologicamente
  • Formulati, prodotti e testati per evitare la presenza di Nichel, Piombo, Cromo e Cobalto (minore dello 0,0001%)
  • Le  formule non contengono: Parabeni, Sles, Siliconi, Peg, Paraffine, Kathon
  • Tutti i prodotti sono stati realizzati da Responsabili Formulatori Esperti presso i laboratori integrati di Partner in Cosmetic e SIPRES Cosmetics di Padova, sulla base dei principi della Cosmetica Biologica e del disciplinare ICEA Eco-Bio Cosmesi.
  • No test sugli animali
  • Le formule sono composte al 98% di materie prime di derivazione naturale: contengono materie prime Bio e principi attivi Bio di origine italiana.

57861f0b314766ad8e89cde18f281b364bc96114

Si tratta di prodotti economici, che si trovano al supermarket, o in negozi specializzati di prodotti per la casa o per l’igene: io personalmente ho trovato all’Ipersoap anche questo! Attualmente sto utilizzando anche il balsamo, sempre per capelli secchi e mi trovo benissimo…Sarà mia premura, provare altri prodotti della linea e fornirvi una recensione. 🙂

NB: L’olio di semi di lino può essere utilizzato anche in casa per una maschera veloce.  Ecco come utilizzarlo sui capelli per potenziarne gli effetti benefici:

  1. Inumidire i capelli (preferibilmente con un nebulizzatore), l’umidità faciliterà la penetrazione dell’olio.
  2. Applicare l’olio per i capelli, ma non sul cuoio capelluto: ha bisogno di altri trattamenti, rischierebbe di essere soffocato.  Per far penetrare meglio l’olio nei capelli massaggiare ogni ciocca per alcuni secondi ed insistere sulle estremità.
  3. Avvolgere i capelli in un asciugamano pulito inumidito con acqua calda e poi ricoprire tutto con una cuffia da doccia (quelle di plastica).  Questo per due motivi: 1) l’ umidità  della maschera deve rimanere tra i capelli, e non evaporare in aria, 2) il calore, rende  l’olio più penetrante e consente un’infiltrazione migliore dei principi attivi.
  4. Lasciare l’applicazione il più a lungo possibile (in ogni caso, non meno di 30 minuti). Risciacquare con uno shampoo delicato.

Domani, è ora di correre ai ripari…per capelli sani e belli bisogna agire!

Buona serata a tutti

 

I SOLARI PER L’ESTATE: MA CHE SIANO BIO!

772-abbronzatura-1-622x466
Oggi a grande richiesta, visto l’arrivo della bella stagione voglio parlarvi di un argomento importante: LA SCELTA DELLA CREMA SOLARE BIO! La scelta della crema solare è una scelta molto importate, e non solo per la nostra bellezza ma anche e soprattutto per la nostra salute. Ed ecco che si presenta il dilemma amletico su quale solare preferire e perché. Indubbiamente noi ecobio ci indirizzeremo su prodotti il più naturale possibile ma non senza prima aver analizzato accuratamente e consapevolmente i prodotti, capendo quali ci proteggono di più e quali invece pue essendo biologici sono da evitare perchè on ci danno un’adeguata protezione.
Vorrei inizare dicendo che i prodotti solari naturali, soprattutto le protezioni, sono fra i cosmetici più difficili da realizzare, quindi, non se ne trovano tantissimi…tuttavia, alcune ditte ci sono riuscite!

Iniziamo quindi con un po’ di teoria:
I filtri solari si dividono in due categorie:
-filtri fisici
-filtri chimici
I filtri chimici sono vietati dai vari disciplinari che si occupano di ecocompatibilità, per ovvie ragioni e inoltre hanno dimostrato che fanno bioaccumulo provocando danni ambientali.

EVITARE QUINDI ASSOLUTAMENTE:
-oxybenzone=benzophenone-3 in quanto genera radicali liberi, si accumula per via sistemica, interferisce con l’attività degli estrogeni. -Methylbenzyliden Camphor (4-MBC), Octyldimethyl-PABA (OD-PABA), Benzophenone-3(Bp-3) ,Homosalate (HMS), Octyl-Methoxycinnamate (OMC) tutti con attività estrogenica.

I filtri delle nostre creme saranno filtri fisici, come lo zinco ossido e il biossido di titanio, entrambi micronizzanti per evitare l’effetto pastone bianco che ovvimente in spiaggia non è desiderabile!! Lo zinco ossido, normalmente serve per gli UVA e la sua curva di assorbimento si flette per gli UVB ma ne esiste un tipo da nanotecnologia che per gli UVB funziona abbastanza bene. Difficile capire quale stiano usando perchè l’INCI è lo stesso. I(n tutti cosmetici è consentito inserire ossido zinco fino al 25%, ed in Europa gli schermi solari sono considerati cosmetici. ) Il biossido di titanio serve per gli UVB (quelli che fanno diventare la pelle rossa) ed assorbe ben poco tra i 380 e 400 nm (UVA), alcuni sospettano che possa creare in parte la produzione di radicali liberi, tuttavia, consiglio di cercare i solari più ricchi in antiossidanti tipo vitamina C, gamma orizanolo, tea verde, estratto di carota, resveratrolo et similia che limiteranno eventuali danni.

Dopo un’accurata ricerca e la mia esperienza, mi sento di consigliarvi caldamente qualche solare che corrisponda a tutti i canoni sopra elencati che un solare ecobio dovrebbe avere:

  • Per primi metto i solari FITOCOSE perchè perchè sono quelli in cui il rapporto qualità prezzo è più conveniente. Troviamo protezione alta, media e bassa. La linea comprende il latte solare, olio abbronzante alla carota e mallo noce, l’olio protettivo per i capelli al makassol e la crema solare viso protettiva oli free per pelli miste e grasse del tutto naturali con schermi fisici ed antiossidanti come la carota, la vitamina C ecc… indicate contro le radiazioni solari UVA e UVB e di solito per 150 ml il prezzo si aggira intorno i 7/8 euro circa. (Io in particolare uso questa ditta) Vi allego il link del sito: http://www.fitocose.it/
  • Altra ditta valida è la TEA NATURA, che personalmete non ho provato ma ne ho sentito parlare davvero bene. Analizzando l’inci delle creme devo dire è davvero inattacabile! Anche in questo caso abbiano dverse opzioni, dalla crema all’olio…di diverso grado di protezione. In particolare, la crema solare al Monoi di tiarè con l’olio di crusca di riso, l’olio di mallo di noce, l’olio di carota e l’olio di cocco, svolge sulla pelle sia azione abbronzante che protettiva.Può essere definita come prodotto ad Alta Protezione con Fattori Protettivi Meccanici, in quanto – pur non utilizzando fattori di protezione sintetici – si avvale di materie prime minerali e vegetali, che svolgono la loro azione protettiva sulla pelle sia come ‘schermi solari’ (ossido di zinco e diossido di titanio in forma non micronizzata) sia come protezione naturale (orizanolo – estratto dall’olio di riso). Il prezzo si aggira intorno agli 11euro per 150ml. Vi allego anche in questo caso il sito internet: http://teanatura.com/prodotti Tuttavia, non ha purtroppo lo shop on-line, però potrete facilmente trovare nella sezione “rivenditori” il negozio che vende questi prodotti più vicino a casa vostra!
  • -Altra ditta valida, forse un pò più costosa perchè più commercializzata è la BJBOJ. Ha protezioni sia per adulti che per bambini, dalla più bassa alla più alta. Contiene filtri fisici e tutta una serie di attivi vegetali, Oli di Mandorle dolci, di Cocco, di Lino, di Argan, di Jojoba, Vitamina E, Gamma Orizanolo, estratto di Carota, ecc..tutti da Agricoltura Biologica Certificata! I prezzi si aggirano dai 20 euro ai 12 euro a seconda del grado di protezione. Vi allego il sito così potete curiosare..http://www.bjobj.com/
  • Ultima ma non per importanza è la ditta WELEDA, un po’ più cara delle precedenti ma sicuramente valida. Il Latte solare della weleda protegge efficacemente dai radicali liberi e previene la disidratazione della pelle durante l’esposizione al sole. I pigmenti biossido di titanio e ossido di zinco di origine minerale sono micronizzati in piccolissime particelle e stendono un velo praticamente invisibile sulla pelle che riflette i raggi solari e protegge in modo efficace senza lasciare aloni. Questa marca la trovate un po’ dappertutto, dalle erboristerie alle farmacie, in ogni caso se vi dovesse interessare vi allego il sito.http://www.weleda.it/

Cosa chiedere di meglio di natura e qualità a prezzi accessibili a tutte le tasche? Ci saranno sicuramente anche altre ditte…io per ora vi ho indicato queste tre perchè son quelle che conosco meglio che ho provato o che amici e conoscenti amanti del bio hanno provato!

Apparte usare una buona protezione ricordatevi sempre gli accorgimenti base per avere una sana e bella abbronzatura:
-Mangiare molta frutta e verdura dal pigmento rosso/arancione
-Evitare l’esposizione durante le ore centrali della giornata (intervallo 11:00 – 16:00).
-Evitare esposizioni prolungate, specialmente ad inizio stagione se la pelle non è ancora abituata ai raggi UV.
-Usare sempre un lenitivo idratante dopo l’esposizione al sole e la sera un burro come quello di Karitè.Ripetere più volte l’applicazione della protezione (dopo un bagno buona parte viene persa in acqua).
-Lavare sempre accuratamente i solari dalla pelle, mai andare a dormire con il solare in faccia o sul corpo!
-Bere molta acqua.
-Puntare ad un’abbronzatura lenta e progressiva, che vi durerà nel tempo.

Buon sole a tutti!!!

PIU’ O MENO “NATURALMENTE”

IMG_4046Ecco qui i nuovi prodotti che ho testato per voi, la ditta si chiama NATURALMENTE e tratta dai prodotti per i capelli fino ai prodotti per il make-up…! I prodotti che ho provato sono uno shampoo antiossidante alle vitamine vegetali e di un condizionante antiossidante sempre alle proteine vegetali, o almeno così è scritto ben chiaro sulla confezione, ma adesso vediamo più nel dettaglio.

IMG_4047

Lo shampoo ha un profumo delicato e lievemente fruttato, la consistenza è un po’ più liquida rispetto a quella degli altri shampoo, è trasparente con colorazione lievemente giallina e non è troppo schiumogeno. Analizzando l’inci di questo prodotto rimango stupita perchè tutto sommato si tratta di buoni ingredienti, tutti pallini verdi, tranne qualche pallino giallo come il tensioattivo COCAMIDOPROPYL BETAINE. Scorrendo però mi cade l’occhio sul PEG-40 ma perchè? Io mi chiedo, rovinare un prodotto che davvero protrebbe essere perfetto e poi mi cadi sui PEG! Tutti ormai sanno che ci cerca prodotti davvero bio non vuole i PEG (POLETILENGLICOLI), sono molecole altamente tossiche e inqunanti per l’ambiente perchè di derivazione petrolifera, in più possono contenere impurità residue del processo di etossilazione necessario a produrli, quali sia ossido che diossido di etilene che sono certamente cancerogeni.  Il numero che troviamo accanto alla sigla PEG, rappresenta le moli di ossido di etilene attaccate al composto di base… ad esempio nel PEG 40 Hydrogenated castor oil ci sono 40 moli di ossido di etilene per ogni mole di olio di castoro idrogenato! Scendendo, noto in ultimo il Poliquaternium-7, si tratta di un districante con pallino rosso, questo perchè non è biodegradabile ed è dannoso per l’ambiente marino. Che amarezza. Sinceramente mi è dipiaciuto, anche perchè devo dire che sono rimasta soddisfatta dal risultato, i capelli sono lucenti e dopo lo shampoo si districavano bene. Vabbè, diciamo che il campioncino non lo butterò, lo utilizzerò ancora per finirlo, ma una volta terminato non acquisterò il prodotto! Il mio voto è 5.

IMG_4052

Ora passiamo al balsamo (detto appunto condizionante). La consistenza è lattiginosa, color panna, la textur è soffice ma non siliconata e profuma di cereali! L’utilizzo è stato piacevole. Guardando l’inci, noto subito l’assenza di siliconi e questo mi rallegra, analizzandolo ancora più nel dettaglio noto una sfilza di pallini verdi, con solo 2 o 3 pallini gialli, come il preservante Sodium dehydroacetate, al fondo degli ingredienti oppure il behenamipropyl dimethylamine, un antistatico ed emulsionante sul quale io ritengo si possa par sopra. Nel suom insieme devo dire quindi che il balsamo supera di gran lunga lo shampoo, non ha nenache un pallino rosso e solo 3 pallini gialli direi trascurabili! Il mio voto è 7.

I capelli mi sono rimasti morbidi e lucenti. Io ho capelli mossi e secchi che tendono facilmente ad appesantirsi e a formare nodi. Tuttavia devo dire che con l’utilizzo di questo condizionante son riuscita a pettinarli bene e mi sono rimasi leggeri e mossi, senza la pesantezza che altri prodotti mi hanno dato.

Direi che per essere prodotti che usa un parrucchiere tutto sommato vanno più che bene…anzi mi stupisco piacevolmente che la mia parrucchiera abbia scelto dei prodotti così! 🙂 Se  teniamo in considerazione le schifezze che ci sono negli inci di altre ditte anche costosissime, che i parrucchieri tanto decantano e ammirano! Tuttavia io penso che sia sempre bene non accontentarsi quando si tratta di salute e di ambiente…quindi NO allo shampoo, SI al balsamo ma sono ancora in dubbio sulla ditta. Valuterò in seguito altri prodotti!

Intanto, lascio valutare a voi….:)

Ora corro via che ho mille cose da fare

Bacioooo

l prodottI citatI in questo articolo sono stati recensiti a scopo valutativo. Non sono stata pagata da nessuno per scriverne una recensione e quelle espresse sono le mie sincere ed oneste opinioni personali, libere da condizionamenti.

 

SOTTO LA DOCCIA MI BASTA IL CALCARE!

Canzone pubblicità NIVEA Sotto la Doccia Balsamo Corpo Luglio 2013 - Come si chiama canzone colonna sonora NIVEA Sotto la Doccia Balsamo Corpo  Luglio 2013 dphonewolrd

Balsamo corpo idratante sotto la doccia: ATTENZIONE A COSA TI SPALMI!

Credo che basterà indicarvi l’inci che mi lascia perplessa per mettervi in guardia da un prodotto che purtroppo non apprezzo. Vi basta far cader l’occhio sul terzo posto degli ingredienti dove troverete la tanto gettonata paraffina liquida per rimanere subito delusi. La paraffina ormai la conosciamo bene e sappiamo che invece di idratare e proteggere la pella, la occlude e a lungo andare la inaridisce ulteriormente creando una sorta di “dipendenza”, così che la nostra pelle ci risulterà sempre secca ed arida se non utilizzimo prodotti che la contengono.
Ma vediamo tutti i componenti di questo prodotto.

Inci: Aqua, CERA MICROCRISTALLINA, PARAFFINUM LIQUIDUM, Glycerin, Cetearyl Alcohol, Hydrogenated Coco-Glycerides, Stearyl Alcohol, Myristyl Alcohol, Maris Sal, SODIUM CARBOMER, SODIUM ACRYLATES/C10-30 ALKYL ACRYLATE CROSSPOLYMER, Aluminum Starch Octenylsuccinate, Phenoxyethanol, METHYLISOTHIAZOLINONE, Linalool, Benzyl Alcohol, BUTYLPHENYL METHYLPROPIONAL, Geraniol, Limonene, Alpha-Isomethyl Ionone, Parfum.

Gli ingredienti che vi ho scritto in maiuscolo sono ROSSISSIMI sul biodizionario, tossici, allergizzanti, non smaltibili dal punto di vista ambientale ecc.
Vediamoli nel dettaglio:

-CERA MICROCRISTALLINA (legante / stabilizzante emulsioni /opacizzante / viscosizzante)
-PARAFFINUM LIQUIDUM (antistatico / emolliente / solvente)
-SODIUM CARBOMER (viscosizzante)
-SODIUM ACRYLATES/C10-30 ALKYL ACRYLATE CROSSPOLYMER (filmogeno)
-METHYLISOTHIAZOLINONE (conservante)
-BUTYLPHENYL METHYLPROPIONAL (allergene del profumo)

La composizione è purtroppo caratterizzata da un insieme di prodotti chimici più o meno dannosi diluiti in un mare di paraffina che per ovvie ragioni dà sulla pelle quell’effetto “seta” fasullo tipico dei balsami o delle creme che la contengono. Quindi vi dico, se quello cercate è avere la pelle vellutata dopo la doccia, perchè siete di fretta e vi serve un prodotto da mettere prima di uscire che sia profumato e vellutato senza pensare troppo a cosa contiene, questo è il vostro prodotto e sono certa non vi deluderà. Se invece siete persone un po’ più attente all’ambiente e alla vostra pelle e preferite perdere 10 minuti in più ma essere davvero idratate, allora a mio parere fareste bene a cercare altrove.

Valutate voi…io direi che il calcare sotto la doccia basta e avanza, eviterei di mettere sulla pelle anche la paraffina..!

Un saluto a tutti..

Il prodotto citato in questo articolo è stato recensito a scopo valutativo. Non sono stata pagata da nessuno per scriverne una recensione e quelle espresse sono le mie sincere ed oneste opinioni personali, libere da condizionamenti.

ATTENZIONE A COME PULISCI

Detersivi-fai-da-teStamattina voglio parlarvi di un argomento un po’ delicato…la pulizia di casa e le sostanze dannose per noi e per l’ambiente che ci circonda, che putrotroppo sono contenute anche in grosse quantità nella maggior parte dei detersivi che utilizziamo in casa. Come per i detergenti che utilizziamo per il nostro corpo, come mani e capelli, anche i detersivi che usiamo in casa infatti, dovrebbero essere possibilmente “verdi”, così da poter stare tranquilli sul loro utilizzo, sia per la nostra salute e quella della nostra famiglia, che per l’ambiente; visto che ciò che usiamo finisce sempre nello scarico, nei fiumi, nel mare e nel suolo! Aver cura dell’igiene della propria casa è sicuramente un aspetto importante per garantire la salubrità degli ambienti in cui si vive. Tuttavia è anche vero che avere cura della salute però è ancora più importante! Purtroppo come ogni cosa infatti, noi consumatori pensiamo di essere tutelati, ma invece non è così. Esistono in commercio milioni di prodotti contenenti sostanze tossiche anche molto pericolose, con effetti collaterali che possono portare sul lungo periodo a sviluppare cancro, cecità, asma, dermatiti e altre condizioni mediche piuttosto critiche. Alcuni di questi ingredienti sono indicati in etichetta con il loro vero nome, altri, invece sono ancora più subdoli, perchè presenti sotto forma di “fragranza” o “aroma” come avevo precedentemente detto nell’articolo degli additivi alimentari. Ma vediamo un po’ di teoria….

I detersivi sono delle miscele chimiche composte di acqua, agenti che svolgono la funzione pulente vera e propria, profumo e conservanti. Sbiancano e smacchiano semplicemente “staccando” le molecole di sporco dai tessuti o dalle superfici lavabili, e lo fanno sfruttando le naturali interazioni tra cariche positive e negative create nell’acqua: per questo motivo sono suddivisi in cationici (carichi positivamente), anionici (carichi negativamente) o anfoteri (neutri, cioè privi di carica), e per questo la loro composizione dipende dal tipo di azione che devono svolgere. Poi esistono i detersivi a base di fosfati, che riducono la durezza dell’acqua (quantità di sali disciolti) e quindi consentono una migliore sospensione della sporcizia, impedendole di tornare sulle superfici o tra le trame dei tessuti una volta “lavati”. Conoscere il modo in cui agisce il detersivo ci fa comprendere perché la sua presenza in natura è così distruttiva per gli ecosistemi, soprattutto per quelli marini. Queste sostanze una volta versate negli scarichi giungono ai fiumi e al mare e immediatamente riducono l’indice d’ossigeno presente sopratutto, rendendo inattiva la capacità delle acque di ri-ossigenarsi. Questa conseguenza è tanto pericolosa, quanto crudele per gli esseri viventi marini che praticamente muoiono perchè non riescono più a respirare adeguatamente. Questo evento diventa altrettando dannoso per la nostra salute se pensiamo che noi quei pesce lo mangiamo, finisce sulle nostre tavole, nel corpo dei nostri figli e neanche ce ne accorgiamo! In sostanza gli effetti tossici dei detersivi ci ritornano indietro, sotto altre forme. Che fare dunque? Innanzi tutto riconoscere le sostanze più tossiche per noi e l’ambiente ed evitarle! L’EWG (Environmental Working Group) statunitense ha realizzato una vera e propria lista (una specie di galleria dei peggiori), per classificare i prodotti utilizzati per l’igiene della casa in base agli effetti e i danni che possono procurare alla salute. Alcuni di questi non sono utilizzati nel nostro paese, altri sì. Ecco l’elenco delle sostanze incriminate:

  • B2BUTOSSIETANOLO:  Si tratta di un solvente organico. Nel registro della Commissione europea è classificato come “pericoloso” per inalazione per contatto e per ingestione, irritante per occhi, pelle e polmoni. Il National Library of Medicine HazMap dichiara che è tossico per il sistema riproduttivo. In totale il livello di tossicità è classificato per l’Ewg come medio/alto. (Di pericolosità simile sono anche altre sostanze della stessa famiglia, quella degli eteri glicolici).
  • ALCHILFENOLI ETOSSILATI: Sono tensioattivi non ionici. Intervengono sul sistema ormonale degli esseri viventi (è provato l’effetto della femminilizzazione dei pesci), anche se sono ancora poco chiari i rischi per l’uomo. La direttiva 2003/53/CE ne ha limitato l’uso nei prodotti chimici, nei detergenti e negli altri formulati. In Italia sono banditi dal 1995 nei detergenti per uso domestico.
  • ETANOLAMMINE: Queste sostanze sono stabilizzatori del ph. Nell’Ue sono ammesse nei prodotti a bassissime dosi. Sono molto tossiche per la pelle e per il sistema respiratorio e sono collegate all’insorgenza di asma. Mono-, di-, e trietanolammine sono quelle da tenere maggiormente sotto controllo, secondo l’Ewg. L’etanolammina presenta un rischio globale (sempre secondo l’Ewg), che va da medio ad alto, a seconda dell’utilizzo.
  • FRAGRANZE E PROFUMI PER AMBIENTI (GLADE): Sembrano innocue, ma non lo sono affatto. Oltre al fatto che possono contenere muschi sintetici (potenti interferenti endocrini), le fragranze sono tra le cinque famiglie di sostanze maggiormente allergizzanti al mondo.
  • COMPOSTI AMMONICI QUATERNARI: Sono composti antibatterici che hanno un’azione detergente. Associati all’insorgenza di asma, estremamente tossici se ingeriti, hanno effetti negativi anche a basse dosi. Inoltre un uso eccessivo di questi composti può provocare l’insorgenza di batteri più resistenti.

«Tenere la casa pulita non dovrebbe mettere la famiglia a rischio – ha detto Rebecca Sutton, ricercatrice dell’Ewg – Pochi prodotti detergenti (solo il 7%), riportano indicazioni chiare circa gli ingredienti tossici che contengono e che possono provocare problemi di salute. La buona notizia, però, è che ci sono molti prodotti che puliscono bene senza l’uso di sostanze pericolose».

Tra le sostanze naturali infatti, ne esistono di davvero efficaci! Sicuramente le due più utilizzabili e a portata di tutti sono l’aceto bianco e il bicarbonato!

1) L’aceto bianco è un ottimo agente sgrassante, anticalcare e antibatterico. Per di più è economico, atossico ed ecologico. L’unico svantaggio è l’odore che sprigiona durante il suo utilizzo, che però, sparisce con l’evaporazione. In cucina è ottimo! Cucinando, talvolta capita di bruciare il fondo della pentola. Riempiamola allora con circa due centimetri di aceto e mettiamola a bollire sul fuoco per tre-quattro minuti. I residui di bruciato dovrebbero già staccarsi così. In caso di incrostazioni persistenti si procede strofinando con una spugnetta. Per eliminare  invece odori ed eventuali blocchi nello scarico del lavello, prima di procedere ad uno spurgo di tipo meccanico, provate a scaldare dell’aceto senza farlo bollire e poi versatelo nello scarico.
Molti sono gli elettrodomestici che trarranno giovamento dall’aceto bianco. Si può usare nella lavastoviglie come brillantante, si può usare per eliminare gli odori dal frigorifero ed anche per togliere le incrostazioni di calcare dalla resistenza del bollitore. Usare l’aceto bianco per pulire mobili, vetri e pavimenti è un’altra mossa vincente! Un po’ di aceto diluito con acqua è un’ottimo detergente per i mobili, basterà inumidire un panno con una soluzione di aceto ed acqua tiepida e passare sulla superficie. Utile anche per la pulizia vetri e specchi senza lasciare aloni: preparate una miscela di aceto, acqua distillata tiepida e un po’ di sapone di marsiglia in scaglie e metterla in un contenitore spray. Spruzzate sui vetri e a asciugate con fogli di giornale. Anche i pavimenti di casa brilleranno se li laviamo con una soluzione di aceto diluito in acqua con l’aggiunta di qualche goccia di limone. Nel bagno è ottimo come anticalcare, potrete preparare uno spruzzino con acqua e aceto bianco da usare per la doccia..vedrete che risultati! 🙂

2) Il bicarbonato di sodio è invece ottimo sbiancante e igenizzante come molti di voi già sapranno! Per avere dell’argenteria brillante più che mai, passate con un panno umido sul vostro oggetto un’emulsione di tre parti di bicarbonato ed una parte d’acqua, volendo potete usare anche il bicarbonato da solo, risciacquate con acqua tiepida ed asciugate per bene. Contro i cattivi odori in frigorifero dove è frequente la formazione di odori forti dai cibi (formaggio, cipolla ecc..), ponendo dentro al frigo una ciotolina con circa 200 g di bicarbonato da cambiare di tanto in tanto la puzza andrà via perchè il bicarbonato è adsorbente. Se volete invece profumare il frigo, basterà mettere qualche goccia di un olio essenziale puro e biologico, a vostro piacere dentro la ciotolina di bicarbonato ed il fresco profumo verrà rilasciato nel tempo. (Per il frigo sono ottime le fragranze agrumate di limone o arancio dolce). Mentre per una pulizia periodica delle pareti interne del frigorifero servitevi di una soluzione composta da 4 cucchiai di bicarbonato in un litro d’acqua. A beneficiare del bicarbonato di sodio saranno anche i vostri amici animali, spargendolo sul fondo della gabbietta o della lettiera si previene il formarsi di cattivi odori. Io lo uso abitualmente per la lettiera della mia gattina, e devo dire che funziona benissimo! In fine sarà ottimo alleato dei vostri abiti e tessuti che verranno così disinfettati e privati dei cattivi odori. Potrete aggiungerlo direttamente sugli abiti dentro la lavatrice. Per igienizzare le fodere dei cuscini e dei divani invece potete spargere la polvere di bicarbonato, dopo 20 minuti si aspirate con cura con l’aspirapolvere.

Per chi non avesse tempo o voglia di usare i rimedi della nonna, esistono tuttavia anche una serie di prodotti definiti ecologici e biodegradabili, che si acquistano in negozi specifici e che potrete utilizzare se preferite avere un prodotto già pronto. Sono sempre da preferire quelli a base di olii essenziali e che abbiano ben scritto sopra che sono biodegradabili ed ecologici! Come dico sempre attenti all’INCI, infatti tra i detergenti che vantano la naturalezza abbiamo per esempio la ditta BIORO’ di detergenti (dicono) formulati esclusivamente con tensioattivi di origine vegetale, i quali vantano il non utilizzo di ingredienti di origine animale e materie prime di altissima efficacia che soddisfano al meglio la specifica funzione di ogni prodotto. Non contengono infatti SLES, EDTA, parabeni, sbiancanti ottici, fosfati, coloranti e non sono testati su animali. Tuttavia contengono tante altre cose dannose!! Devo dire infatti a malincuore che studiando nel particolare l’INCI di alcuni detergenti, qualche pallino rosso l’ho trovato! Come per esempio il methyl ethere e l’ethanolammine!!:( Ma non scoraggiamoci ci sono anche prodotti “più verdi”, come quelli della linea OFFICINA NATURAE, che hanno come scelta quella di NON utilizzare: sbiancanti ottici, coloranti, addensanti, perlanti e/o sostanze di sintesi con azione tossica o nociva. Aderiscono allo standard “Non testato su animali” e non utilizzano o commissionano test su animali per sperimentare o sviluppare i loro prodotti e relativi ingredienti. Le formulazioni dei detersivi ecologici sono innovative, come conservanti sono stati utilizzati esclusivamente alcool etilico ed acqua ossigenata in modo da associare un’azione igienizzante, antibatterica e conservante ed, effettivamente analizzando gli ingredienti si può essere soddisfatti! Infine posso menzionarvi anche la linea VERDEVERO, i quali prodotti sono biologici, controllati in laboratorio riguardo al loro contenuto di metalli pesanti come Cromo, Cobalto e Nichel, che introdotti nell’ecosistema entrerebbero a far parte della catena alimentare, con gravi danni per tutti gli organismi viventi. Sono ottenuti da sostanze rigorosamente di origine naturale che provocano il minimo impatto ambientale in ogni fase della loro vita. Dalle materie prime, reperite il più vicino possibile alla zona di produzione, alle etichette nello stesso materiale del contenitore, fino alla fase di smaltimento: tutto in Verdevero.it è biodegradabile in tempi contenuti. La ditta presenta anche una serie di profumi biologici a diversi aromi, da poter utilizzare in diffusori, versando nel diffusore l’acqua alla quale si aggiungono circa 7gtt di olio verdevero, oppure nel bucato, versando direttamente nella vaschetta dell’ammorbidente una pipetta di profumo.

A voi la scelta..a volte basta solo documentarsi per cambiare le cose.
Abbiate cura di voi stessi, della vostra famiglia, dei vostri animali domestici che sul pavimento ci camminano a “zampette nude” e soprattutto dell’ambiente che ci circonda! Ricordatevi che tutto ci torna indietro..se inquiniamo i fiumi, i mari e i terreni sui nostri piatti arriveranno pesci, frutta e verdura inquinati! Ognuno nel suo piccolo può fare qualcosa, se tutti ci impegnamo possiamo fare la differenza! 🙂 Per chi proprio non può fare a meno di utilizzare i “detergenti chimici tradizionali”, quello che posso dirvi è di utilizzarne il meno possibile. Si tratta infatti di sostanze talmente tanto concentrate che ne basta veramente una goccia, ed il fatto di usarne di più non renderà la superficie più bella e più pulita, ma solo più velenosa per gli animali di casa, per i bambini e per i nostri piedi. Lo stesso vale per i vestiti che poi ci dovremo mettere addosso!

“Poiché tutti gli organismi discendono da un antenato comune, è corretto affermare che la biosfera nel suo complesso iniziò a pensare quando nacque l’umanità. Se le altre forme di vita sono il corpo, noi siamo la mente. Pertanto il nostro posto nella natura, considerato da una prospettiva etica, è riflettere sulla creazione e proteggere il pianeta.”

-Il biologo statunitense Edward Osborne Wilson-

l prodottI citatI in questo articolo sono stati recensiti a scopo valutativo. Non sono stata pagata da nessuno per scriverne una recensione e quelle espresse sono le mie sincere ed oneste opinioni personali, libere da condizionamenti.