Adipe nell’addome? Ecco i rimedi!

FacebookTwitterGoogle+Condividi

grasso_addominaleChi di noi non ha un po’ di pancetta? Bè si tratta di accumulo di grasso sottocutaneo, ma quando si parla della pancetta, bastano davvero pochi giorni di nutrizione equilibrata per tornare in forma. Diverso è il problema di chi comincia con l’età a sviluppare il classico grasso addominale, un grasso che non sarà più superficiale e sottocutaneo, ma che si deposita più i profondità fra gli organi creando un addome gloso e teso. Il grasso addominale oltre ad essere un inestetismo, costituisce un fattore di rischio, perchè aumenta la probabilità di insorgenza di patologie cardiovascolari o metaboliche. Questi rischi sono tipicamente maschili, in quanto negli uomini è più comune rispetto alle donne che tendono ad accumulare grasso sui fianchi e sulle cosce, tuttavia, dopo la menupausa anche nelle donne è possibile sviluppare il grasso viscerale con conseguenze per la salute ancora più pericolose che per gli uomini!

1) Un intestino attivo mantiene aiuta a sgonfiarsi

La tendenza ad ingrassare ed accumulare grasso viscerale spesso è collegata a squilibri dell’attività intestinale, se l’intestino non funziona correttamente non assimila giustamente i nutrienti , si vengono a creare degli squilibri che alterano il metabolismo e portano ad accumulare peso. Per un corretto metabolismo e un regfolare assorbimento di grassi e carboidrati è nbecessario garantire la presenza di una flora batterica equilibrata, assumendo regolarmente fermenti lattici attivi che apportino batteri “buoni” alla digestione.

CIBI Sì

  • Zuccheri complessi integrali
  • Ortaggi e frutta
  • Pesce
  • Formaggi magri (primosale, fiocchi di latte, ricotta, feta)
  • Spezie

CIBI NO

  • Grassi animali (salumi e carni rosse)
  • Alcolici
  • Bevande zuccherate
  • Zuccheri semplici
  • Dolci raffinati (gelato ecc..)
  • Cibi precotti o confezionati
  • Formaggi grassi (gorgonzola, bufala, toma, brie ecc..)

2) Un’alimentazione ricca di frutta e verdura riesce ad apportare le fibre per una corretta digestione mantenendo attivo l’intestino. Le verdure da prediligere sono quelle colorate e a basso indice glicemico, come broccoli, zucchine, cipolle, peperoni, cavoli, verza, insalata, pomodoro, cetriolo, spinaci, coste ecc…senza escludere le carote e le patate che due volte alla settimana possono essere assunte.

3) Prendere la buona abitudine di mangiare la frutta fuori dal pasto, tipo colazione e merenda, evitando di assumerla dopo cena, perchè gonfia ed appesanisce la digestione.

4) Bere bevande a base di zenzero e cannella per combattere il grasso addominale. Tagliare a cubetti lo zenzero e usare circa 5cm di cannella sbriciolata, preparare un decotto e bere una tazza anche più volte al giorno. Lo zenzero stimola la digestione e le attività depurative, mentre la cannella tiene sotto controllo lo zucchero nel sangue.

5) Infine stimolare il metabolismo con integratori brucia grasso come per esempio il guaranà, ricco di guaranina, sostanza stimolamte simile alla caffeina, accentua il metabolismo corporeo e il consumo dei grassi.

Non dimentichiamo una sana ed equilibrata attività fisica: basta una passeggiata di 15 minuti al giorno per riattivare il metabolismo basale…non si dimagrisce dal divano!! 🙂

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *