IL PIANETA è NELLE NOSTRE MANI….

FacebookTwitterGoogle+Condividi

hotel-sensibile-ambiente

Certo mangiare sano è importante ma chi è che non ha mai mangiato una bella frittura? Vivere di rinuncie non è salutare…in quanto implica un attegiamento mentale di rassegnazione e insoddisfazione quindi qualche  sgarro nella dieta (intesa come sana alimentazione) ci sta..! 🙂 Ma quando si tratta di fritto non è tanto questo che mi interessa…ma piuttosto la questione dell’ambiente…

A chi non è mai capitato di friggere o cucinare qualcosa con molto olio e poi buttarlo erroneamente nel lavandino? Oppure andare a casa di persone che hanno questa abitudine?  Gli olii vegetali, sono inquinanti, e provocano danni sia a livello ambientale che economico!! Dopo aver attraversato le fognature infatti, finiscono negli impianti di depurazioni, (un solo litro di olio può rendere non più potabile milioni di litri di acqua) e, inel mare, o nei fiumi, contaminando le faude acquifere.

smaltimento-olio

Lo sversamento di olio esausto nel WC o nel lavandino, o nei tombini se si tratta di prodotto agricolo, causa danni ambientali percepibili su più livelli: causa inquinamento del suolo, delle falde, del mare, dei bacini idrici, in ogni caso, ne conseguono grossi danni sulla salute dell’uomo, su quella di animali e piante e sulla biodiversità. Come sicuramente saprete l’olio è immiscibile in acqua, in questo modo inquina il nostro mare e i nostri fiumi, formando una pellicola sulla superficie, e compromettendo l’esistenza della fauna e della flora. L’ambiente marino viene danneggiato irreparabilmente e la vita in acqua diventa sempre più difficile, non solo per i pesci e gli animali marini ma anche per gli uccelli, che si nutrono di essi…insomma, diventa un circolo vizioso! L’inquinamento non avviene solo nei mari ma anche nel terreno, nel suolo circostante ai fiumi e ai ruscelli, nel quale il deposito di questi olii forma una pellicola impermeabile che impedisce il passaggio di acqua e di sostanze nutritive che vengono normalmente assorbite dalle radici delle piante e altera i microecosistemi che vivono nel terreno. Tenuto conto di tutto ciò, basterebbe davvero poco per impegnarci tutti quanti assieme a smaltire corretamente l’olio da cucina. Attualmente infatti in molte città e paesi sono presenti delle isole ecologiche, con contenitori per la raccolta differenziata dell’olio vegetale (qualsiasi olio sia), alcune città li hanno già introdotti accanto ai cassonetti normali, altre città, li hanno forniti nei parcheggi dei supermercati, come Coop, Carrefour, Basko, ecc.. !!!ATTENZIONE!!!! Solo olio vegetale e non olii da motore o lubrificanti minerali!!!

logoBig                           raccoglitoreOlioesausto

Per smaltire l’olio esausto prodotto in cucina si dovrà:
-dopo aver lasciato raffeddare l’olio utilizzato, provvedere a trasferire l’olio in flaconi (vanno bene anche quelli in plastica dei detersivi, le bottiglie vuote o eventuali contenitori dati in dotazione dal comune)
-una volta che il contenitore sarà pieno, si porterà l’olio fritto presso l’isola ecologica più vicina e si svuoterà il contenitore. 🙂

Ecco fatto! Ci va più a dirlo che a farlo….!

Per te, per il pianeta, per i tuoi figli e gli animali che tanto ti piace guardare nei documentari con occhi sognanti….! Ognuno di noi può fare la differenza, un litro in meno di olio nel mare può farla! E tu? Vuoi fare la differenza?

 

SI PARTEEEEE….FEBBRAIO 2015

E’ passato più di un anno dall’apertura di Essenzialemente Naturale e finalmente ci siamo reinventati! Da Febbraio questo blog assumerà una faccia diversa, diventerà una finestra sulla salute, un’appoggio al momento del bisogno, un consiglio, una chiacchierata, senza ovviamente abbandonare la mia attività di blogger. Finalmente come alcuni di voi sanno, mi sono formata come Consulente Naturopata, presso l’Università Popolare di Scienze della Salute Psicologiche e Sociali, UNIPSI. Mi vesto quindi di “nuovo”, non mi vedo più come un’operatore sanitario, bensì come un consuelnte della salute. Scopo del consulente in naturopatia e psicosomatica è la formazione rivolta alla ricerca del bene, allo sviluppo delle qualità positive della persona che la aiutino nella ricerca della felicità. Attraverso la mia personale esperienza, ho appreso come la componete stressogena che la nostra società ci impone, condizioni la salute dell’essere umano, così ho intrapreso la convinzione secondo la quale la rimodulazione dello stile di vita sia alla base della “guarigione” intesa come benessere psico-fisico. Sul piano fisico invece, ho approfondisco quotidianmente lo studio di Scienza della Nutrizione, che mi ha rivelato la fondamentale importanza della dieta alcalina nella salute umana, (attraverso integratori specifici ed alimentazione) che è diventato così uno dei punti cardine della mia filosofia nutrizionale. Per ampliare le mie conoscenze ho seguito un corso di Floriterapia, gentilmente offerto dalla ditta GUNA, alla quale ho potuto aderire grazie alla mia prima professione di Farmacista. Seguendo questo corso ho approfondito e consolidato quindi concetti già acquisiti attraverso il mio precedente ciclo di studio, ma con occhi diversi, scoprendo piacevolmente come le essenze floreali siano un meraviglioso strumento di riarmonizzazione delle emozioni, come stimolino le naturali difese immunitarie e attivino le eccezionali capacità di autoguarigione presenti in ciascuno di noi. Sempre attraverso la ditta GUNA, ho avuto il piacere di seguire un corso semestrale di omotossicologia, definita anche omeopatia moderna, secondo la quale le malattie sono l’espressione della lotta che l’organismo mette in atto contro le numerose sostanze tossiche che, per cause esterne o intrinseche, si accumulano al suo interno. Grazie sempre alla mia professione di Farmacista posso quindi consigliare in tutta tranquillità, e oggi più che mai, con maggiori conoscenze, rimedi omotossicologici che siano in grado di riequilibrare l’organismo e ripristinare la risposta immunitaria alterata e provocata da tossine (esogene o endogene), aiutando quindi a ritrovare l’originario stato di benessere. Tutto questo senza mai dimenticare la mia passione verso la natura e verso il rimedio fitoterapico, che già conosco bene grazie agli studi universitari. Questa nuova nascita è solo l’inizio di un lungo cammino di nuove esperienze e conoscenze.

Sperando che continuiate a seguirmi sempre numerosi come fin’ora….

F.

 

SMUOVI IL GONFIORE INVERNALE: VEG per una settimana!

Diventare-vegetariani-fa-beneNon è una novità che con l’arrivo di Febbraio ci si senta più ingolfati, la pelle risulta spenta, la pancia è gonfia e le flaccidità incombono…questo perchè l’inverno con i suoi alimenti ricchi di calorie e di grassi, indumenti stretti e cioccolato sul divano mettono a dura prova il nostro organismo che arriva ad un punto di stallo. Numerose ricerche dimostrano che l’affaticamento metabolico e il sovrappeso invernale, che di solito porta le lancette della bilancia fino a 3/4 kg in più della stagione estiva, sono facilmente eliminabili evitando per brevi periodi proteine di origine animale (in particolare carne e latticini) che aumentano di molto le scorie acide e aumentando frutta e verdura in particolare quella cruda. Non c’è bisogno di diventare vegani, basta una settimana al mese per ripulirsi per bene! 🙂

Esistono degli accorgimenti specifici per ottenere buoni risultati e ora ve li svelerò:

  1. Al mattino frutta, fibre e tè verde fanno volare il metabolismo! Dimenticate il caffè che aumenta di tanto l’acidità del’organismo, e bevete il tè verde fino a 3 tazze al giorno, ovviamente senza zucchero o miele (che è di origine animale), scegliete la melassa nera per dolcificare, è ottima!
  2. Bere almeno due centrifughe al giorno, una prima di pranzo e una prima di cena, per fare il pieno di vitamine, sali minerali e importanti enzimi. I frutti da prediligere sono mela, carota, zenzero, pere, arancie e mandarini.
  3. Prima di dormire tisana finocchio, semi di cumino e anice per sgonfiare e ridurre le fermentazioni.
  4. Aiutati con un integratore a base di cannella, ridurrai i picchi glicemici e aiuterai la depurazione epatica.
  5. Usa cereali integrali e legumi
  6. Usa latte vegetale di mandorle, avena o riso (un bicchiere al giorno, non di più).
  7. Alterna vegetali di gusto e colore diverso, così non ti annoi e assumi tuttti i nutrienti necessari per l’organismo
  8. Almeno due porzioni di verdura al giorno devono essere crude
  9. Usa cereali senza glutine come miglio, quinoa e amaranto, ti sgonfierai ulteriormente!
  10. NON sgarrare!

vegetariani_03

Per una settimana non sarà difficile eliminare i grassi animali e le proteine, vedrete che già dopo i primi tre giorni vi sentirete più fresche e leggere, ed avrete già 1 kg in meno! Molto spesso i chili invernali non sono tutti di grasso (per fortuna) ma gran parte del sovrappeso è di acqua che non riesce ad essere espulsa dal circolo linfatico otturato da scorie e tossine. Con tè, tisane e frutta e verdura i depositi si smuoveranno e kg spariranno. Il corpo si disintossica per l’assenza di scorie azotate e fenomeni putrefattivi intestinali, la pancia torna piatta e l’intestino si regolarizza, il metabolismo si accellera, la diuresi migliora e ristagni di liquidi spariscono.

In una settimana il fisico sarà più tonico e le forme ben disegnate, dopo i 7 giorni avrete perso facilemente dai 3 ai 4 kg di acqua e grassi e difficilmente sentirete bisogno di carne, però per evitare spiacevoli carenze nutrizionali, nel caso voleste continuare questo tipo di alimentazione, vi dovrete munire di opportuni integratori di ferro e vitamina B12, come Floradix, oppure dovrete reintrodurre la carne, meglio se poco grassa, due volte alla settimana.

Pronti per iniziare?? Da Lunedì….settimana Veg! 🙂

 

IL LIMONE: panacea di tutti mali!!!

Il limone è davvero un frutto fenomenale, ad ogni male, il limone agisce, quando le persona e a me vicine, o anche miei lettori mi chiedono un consiglio su qualche problematica fisica io inserisco sempre il limone nella loro dieta e mi sento dire: ” Mah cavolo, ma il limone serve davvero per tutto? Me lo consigli sempre…” Ebbene sì, non sono io ad essere monotona, è il  limone ad essere fenomenale! 🙂 Dai reumatismi al raffreddore, dalle stomatiti alla gotta, fino alle parasitosi intestinali, il limone è sempre il primo rimedio a cui pensare: rimedio economico e alla portata di tutti. Il succo di limone, costituisce un concentrato naturale di vitamine e acidi organici, da consumarsi puro o diluito in acqua, è la più antica delle preparazioni dalle numerose virtù.  Ogni parte del limone ha è utile per cose diverse, la polpa per una cosa, e la buccia per un’altra, persino le foglie possono essere utilizzate.

In questo articolo voglio illustrarvi brevemente le parti utilizzabili del limone e le ricette più comuni da preparare per assumerlo al meglio.

1) Il succo: si ottiene spremendo la polpa del limone o ancora meglio centrifugandola. Costituisce un concentato di acidi organici enzimi e vitamine. Ruolo importante lo svolgono appunto gli acidi organici che nell’organismo riequiloibrano il bilancio fra elementi basici ed elementi acidi, combinandosi con metalli alcalini, formaano carbonati e bicarbonati in grado di alcalinizzare il nostro organismo. Neutralizzano quindi l’eccesso di acidità o acidosi che è causa di diversi scompensi, dai più lievi e più diffusi (dolori articolari, candida, cistite, sovrappeso, alitosi, colorito spento, perdita di capelli ecc…) ai più gravi (osteoporosi, problemi reumatici, disfunzioni metaboliche o ghiandolari, tumori, ecc..) Ribadisco quindi che è completamente errata l’opinione secondo la quale il limone sia un frutto acido, o meglio, lo è lui, ma non acidifica l’organismo, bensì grazie all’acido citrico contenuto all’interno è invece il più potente alcalinizzante che c’è in natura. A freddo il succo permette l’assunzione di tutte queste prezione sostanze, nonchè la vitamina C, contenuta in gran misura, in acqua calda invece, permette di combattere disturbi dell’apparato intestinale e calcoli biliari.

Succo-di-limone

2) Le foglie: carnose e dentellate di un verde inteso, anche esse sono ricordate per le numerose proprietà. Contengono, glucosio, acid tannico, resinose, pectine e cellulosa, dalle proprietà sedative, antispastiche e digestive. La cellulosa in particolare essendo composto polisaccaridico che l’intestino non è in grado di degradare, ha importante azione a livello inetstinale. Il metodo più semplice per usare le fogli del limone è quello di utilizzarle in tisana, sminuzzate in acqua in ebollizione, lasciare riposare 10min prima di bere, poi filtrare e dolcificare con miele. Preferibile consumare la tisana calda in modo tale che le proprietà dell’infuso siano preservate. Disponendo di foglie fresche queste sono da prediligere a quelle secche.

gamberoni-su-foglia-di-limone

3) La scorza: ricca di olii essenziali, enzimi e vitamina C è davvero una delle soprese migliori del limone, perchè utilizzabile per tantissime necessità. Dall’assunzione per bocca (quando è biologica e non trattata con difenie o altro) fino ai prodotti di cosmesi casalinga, la scorza del limone non smette mai di stupirmi! 🙂 Per usare la scorza, questa va incisa con un coltello molto affilato, avendo cura di no intaccare la parte sottostante bianca, che molto amara. Per assumerla oralmente è possibiule farla essicare, nel forno tiepido oppure, legando tra di loro i pezzetti di scorza con ago e filo e lasciando essiccare al sole. Le buccie fresche possono invece essere utilizzate gratuggiate su numerosi piatti, oppure spremute nella centrifuga per estrarne tutti i prezioni olii essenziali. L’essenza del limone può essere estratta anche in modo casalingo in due modi: o in olio base,( ad uso cosmetico) lasciata a macerare in luogo buio almeno 60gg scuotendo di tanto in tanto la bottiglia, oppure in alcool, pre la preparazione della tintura madre. Quest’ultima, ha buoni effetti tonici e digestivi per l apresenza di olii essenziali della scorza, avràun profumo e una fragranza tipica del limone. Mettete 250g di scorze in 1litro di alcool 70° e lasciate macerare una settimana in luogo buio scotendo ogni giorno. Conservate il preparato in una bottiglia di vetro scuro. Dopo questo tempo è necessario pressare le scorze e filtrare la tintura. Questa potrà essere assunta al mattino come tonico e depurativo nella dose di 20gtt.

bucce-limone

Suggerimenti:

  • acquistate limoni freschi e non tratti
  • non conservateli in frigo ma a temperatura ambiente
  • consumate sempre il succo fresco per non oerdere la vitamina C
  • eliminate le parti annerite della buccia
  • prendete l’abitudine di consumarlo come condimento

 

 

CURA di Corpo-Viso-Capelli: tutto in un solo prodotto

Ragazze, ho scoperto un prodotto buonissimo!!! Sono qui per descrivervelo brevemente e consigliarvelo! Gentilmente prima di Natale ho ricevuto un pacchetto della ditta Nature’s, contenente un prodotto che sarebbe dovuto uscire in commercio con nuova formulazione e packaging tra le festività del 2014 e l’inizio anno del 2015…mi chiedevano di testarlo per voi, per sapere che cosa ne pensavo…bè che dire: si tratta di un olio corpo-viso-capelli davvero particolare, che mi ha colpito! 🙂

Il nome del prodotto è OLIO BERBERO della linea Argà (a base di olio di Argan) www.olioberbero.it

olio-berbero-natures-miaerboristeria.it

Già dal primo spruzzo sono rimasta inebriata dalla leggera e delicata profumazione, non si vorrebbe mai smettere di spruzzarlo, da quando me lo hanno mandato, no posso più farne a meno! Si assorbe in un attimo perchè è un olio secco in spray e serve per idratare, nutrire e proteggere viso, corpo e capelli. Aiuta a prevenire la disidratazione e la secchezza e infonde un’immediata sensazione di comfort e di benessere anche alle pelli più secche, delicate e sensibili. L’ideale dopo la doccia a pelle umida, ma utilizzabile assolutamente anche a pelle asciutta, sul viso prima di dormire, sulle braccia e decoltè prima di uscire, sulle punte secche dei capelli per renderli setosi e lucenti e no richiede risciacquo!  Ma attenti a questo: dimenticate gli olii pieni di schifezze che ci propinano diverse ditte da profumeria, concentrati di prodotti chimici più o meno dannosi, la formula di quest’olio contiene oltre il 99% di ingredienti di origine naturale e combina 7 preziosi oli vegetali: Argan, Arancio, Pistacchio, Oliva, Riso, Mandorle dolci e Vinaccioli! Senza parabeni, paraffina, olii minerali, SLS, SLES, DEA o altri cessori di formaldeide! Un’INCI verde da capogiro, fin dai primi ingredienti non appaiono pallini rossi: antistatici, emollienti ed antiossidanti verdi caratterizzano la formulazione di questo prodotto in un insieme di sostanze attive quali Olio di Argan, Moringa Oleifera, arancio dolce, Burro di Karité, Olio di Mandorle, The Rosso, Proteine Vegetali, che lo portano primo in classifica fra i prodotti naturali di cura e bellezza del corpo.

Oroberbero-natale

Il prezzo della confezione da 50 ml è di 19.50, mentre la confezione da 100 ml è di 29,50

Il packaging unisce la semplicità e la praticità di uno spray in vetro all’eleganza dell’oro e delle illustrazioni realizzate dalla nota disegnatrice Alessandra Scandella, che richiamano i simboli iconici del mondo berbero, un omaggio all’Argan e alla sua terra d’origine: il Marocco. Un profilo di donna stilizzato per richiamare a una femminilità intensa e raffinata e il primo piano di una mano tatuata con Henné, come nella tradizione berbera, rimandano a terre lontane, a profumi e colori che non ci appartengono ma che con un solo spruzzo possono essere nostri… solo chiudendo gli occhi.

Vi consiglio vivamente questo prodotto, per voi, per una mamma, una zia, per un’amica e persino per una nonna, non ci sarà persona alla quale lo consiglierete che non si riterrà soddisfatta!

Provare per credere 🙂

E’ ORA DI FARE PULIZIA…. SOS DEPURAZIONE!

dieta-per-pulire-fegato-ed-intestino

Dopo tutti questi giorni di festa sicuramente ci sentiamo gonfi e appesantiti…una cena dopo l’altra abbiamo assunto tossine e grassi e abbiamo sicuramente affaticato fegato, reni e intestino.
C’è sicuramente tempo per correre ai ripari, attuando un programma di tre giorni, di depurazione che ci renderà subito più leggeri e vitali.
Dopo questi 3 giorni di depurazione feroce, a base di sola frutta, verdura cruda e tisane, possiamo continuare il resto della settimana continuando a depurarci, ma reintroducendo anche altri alimenti.
Vediamo nel dettaglio.

GIORNO 1:

Appena svegli: 1limone spremuto con acqua
Colazione: centrifuga 2mele-1carota-zenzero 1 banana, 1 tè verde al gelsomino
Merenda: 1 frutto a piacere,
Pranzo: Centrifuga 1mela-arancia-2carote (ACE), tisana betulla pilosella e gramigna
Merenda: 2 finocchi crudi
Cena: Centrifuga 3sedano-1mela-3mandarini
Dopo cena: tisana finocchio anice e cumino

GIORNO 2:

Appena svegli: 1limone spremuto con acqua
Colazione: centrifuga 2mele-1carota-zenzero 1 banana, 1 tè verde al gelsomino
Merenda: 1 frutto a piacere, 3 mandorle
Pranzo: Pinzimonio con verdura fresca (niente pane, grissini, cereali, o altro)
Merenda: 5 noci sgusciate, tisana betulla, gramigna, pilosella.
Cena: Centrifuga 3sedano-2mela-bietole
Dopo cena: tisana finocchio anice e cumino

GIORNO 3:

Appena svegli: 1limone spremuto con acqua
Colazione: centrifuga 2mele-1carota-zenzero 1 banana, 1 tè verde al gelsomino
Merenda: 1 frutto a piacere, 3 mandorle
Pranzo: Insalata mista (solo verdura cruda) con anche olive nere e pomodorini secchi (niente pane, grissini, gallette o altro)
Dopo pranzo: tisana cannella e zenzero
Merenda: 5 noci sgusciate, tisana betulla, gramigna, pilosella.
Cena: Centrifuga 3sedano-1mela-3mandarini
Dopo cena: tisana finocchio anice e cumino

GIORNO 4,GIORNO 5, GIORNO 6, GIORNO 7
-Nei giorni successivi reintrodurre gradualmente cereali integrali, con moderazione (riso, farro, quinoa, amaeranto, miglio, grano saraceno ecc..)
-Abbandonare le proteine di origine animale per tutto il resto della settimana (no pesce, no carne, no formaggi, no latte).
-Continuare a bere almeno 3 tisane depurative al giorno (compreso il tè verde al mattino)
-Evitare alcolici e dolci
– Concesso il miele, magari a colazione con gallette integrali
-Assumere proteine vegetali attraverso legumi
-Continuare ad assumere il limone al mattino

Alla fine di questa settimana oltre aver depurato gli organi, (fegato, reni, intestino), potrete notare la pelle più luminosa, più tonica e compatta, sarete più attivi e mono stanchi o spassati e in particolare potrete aver perso qualche kg di troppo.

Fatemi sapere come vi siete trovati!!

PS: Consiglio vivamente di iniziare dopo l’epifania per evitare errori o trasgressioni che renderebbero vani gli sforzi attuati!